Anima Popolare

"La ballata del re" - maggio 18, 2012

Details

Il comune denominatore dell’intero lavoro potrebbe essere il mix di rock e folk, ma il progetto “Ballata del re” ha l’umile ambizione di scavalcare certe dicotomie. Al rock folk di brani come “La vita di chi canta”, ”Natale sotto o’ lietto”,”Milù” o “Virush” risponde il “mood” cantautorale, che vuole strizzare l’occhio al pop più colto di canzoni come “Occhi dispersi e persi”,”Nei giorni del successo”, ”Maddalena” e ”La notte degli amanti”.

Ma l’obbiettivo più grande di questo album è quella di avere tra le mani un lavoro eterogeneo, in cui si fondono elementi apparentemente lontani come lo swing de “La ballata de lu re”, il sound balcanico di “Virush” o gli echi ”indie rock” di “Mai” , la vena mediterranea di ”Occhi dispersi e persi” e “Maddalena “ o gli accenni “Irish” de ”La notte degli amanti”. Nonostante il buon numero di strumenti e un sound spesso articolato, la scelta del disco si è costruita attorno al concetto di “live album”, conservando feedbacks e dinamiche asciutte, senza un eccessivo lavoro di editing. I testi si muovono in più direzioni ma figlie della vecchia scuola cantautorale italiana, senza clichè, senza estetismi forzati. E’ una scrittura esperta ma “di pancia” che passa dal disimpegno all’ironia, dalla paura del distacco alla crisi dei trent’anni.

Leave Comment (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *